Homepage

Cattedrale di Sorrento

CATTEDRALE DI SORRENTO

La Cattedrale di Sorrento sorge nel centro storico della città costiera a partire dal X-XII sec. d.c., quando, dal luogo che oggi ospita il Cimitero sorrentino, fu trasferita all’interno della cinta urbana nella chiesa dedicata ai Santi Felice e Bacolo, ed era dedicata prima a San Severo, vescovo di Napoli, e in seguito a San Renato, vescovo di Sorrento.
Interessante è il nuovo tamburo dell’ingresso, interamente intarsiato con pannelli che rappresentano episodi appartenenti alla storia della chiesa sorrentina che vanno dalla venuta di S. Pietro a Sorrento nel 43 o 44 d.C, al suo primo vescovo San Renato (425), all’arrivo delle reliquie degli apostoli Filippo e Giacomo che il cardinale Pietro Capuano donò nel 1110, fino alla venuta di Pio IX a Sorrento nel 1849.
Il grandioso organo che si trova sull’ingresso principale, realizzato nel 1901 da Mons. Giuseppe Giustiniani, presenta notevoli intagli dei fratelli Fiorentino (1901).
Il soffitto centrale è interamente dipinto su tela, opera di Francesco Francareccio, mentre i quadri centrali sono di Oronzo e Nicola Malinconico (1711), e rappresentano i primi martiri sorrentini del II sec., ed i compatroni della Diocesi.
I quadri dell’Assunta e di San Filippo e Giacomo nel soffitto del presbiterio sono opere di Giacomo del Po eseguite del 1700. In fondo al presbiterio è posto il coro ligneo ricco di intagli ed intarsi, opera di artigiani sorrentini (1936), mentre la grande pala sul fondo è opera d’ignoto del 1600 e raffigura i Santi Filippo e Giacomo.
In sagrestia, oltre ai quadri dei vari arcivescovi succeduti negli ultimi duecento anni, si possono ammirare antifonari in pergamena del XV sec. con miniature, sfarzosi paramenti sacri del 1700 e 1800 e paliotti d’altare finemente ricamati di diverse epoche. Molto bella è la tavola della Trasfigurazione del Signore in cui sul fondo a destra si scorge il ritratto del suo committente, l’arcidiacono Giovanni Ammone (1573), lo stesso che donò il pulpito.
Infine, all’uscita della cattedrale, vi è il palazzo episcopale del 1500 con il campanile che sta a cavallo dell’antico decumano minimo d’epoca bizantina con reperti marmorei romani di varie specie, tra cui anche una parte di un’epigrafe longobarda. Gli ultimi due piani del campanile, con l’orologio maiolicato, furono aggiunti nel 1700.
PARTICOLARE CAMERA CONFORT

Il libro degli ospiti

atony1976

Non si tratta solo di servizio impeccabile, professionalità ed attenzione massima ma c'è qualcosa in più che forse non troverete neanche negli hotel 5 stelle. Le camere sono deliziose ed arredate con gusto, pulite, cocktail di benvenuto, mini panettone, limoncello in omaggio, bagni nuovi e ...

Continua
Cosa visitare
Cosa visitare

Io sono un testo di anteprima. Utilizza questo spazio per descrivere brevemente il contenuto della pagina di riferimento. Clicca qui per modificarmi.

Continua »
Bed and Breakfast "Al Parco Verde Sorrento"
Sede operativa: Corso Italia 226, 80067 Sorrento (NA)
Tel.: +39 081 8772016 +39 333 3396206 +39 338 8521284
Powered by Mosajco CMS
Mosajco